Manca poco...

Sto cercando...

Tags:

Building lascia SNODO: la maledizione delle grandi superfici

Dario Ujetto
Condividi

Building lascia SNODO. La notizia è di ieri, ma sicuramente non è una sorpresa.

La società della famiglia Boffa esce da Sofito, società partecipata al 60% dalla società consortile per azioni Ogr-Crt, titolare di SNODO, lo spazio di ristorazione polifunzionale all’interno delle Ogr-Officine Grandi Riparazioni di Torino.

Come detto, non è certo una sorpresa. Dopo tre anni difficili dal punto di vista gestionale e sanitario, il Gruppo Building ha sfruttato la possibilità di uscita contrattuale e rimesso in mano a CRT il destino dello spazio.

SNODO è stato un progetto partito con le migliori intenzioni, e che ha visto un impegno personale di Luca Boffa. E’ anche uno dei locali più belli di Torino, il cui simbolo è l’enorme tavolo sociale disegnato dallo Studio Boffa Petrone&Partners.

Cosa non ha funzionato? Sicuramente sul progetto si è abbattuta una tempesta perfetta. Dopo un primo anno di naturale rodaggio e alcuni errori gestionali (del tutto naturali per una realtà che aveva solo in parte una vocazione ristorativa), l’apertura degli spazi uffici OGR hanno quasi coinciso con l’emergenza sanitaria pandemica.

Da un anno, SNODO è praticamente chiuso a o metà servizio. Se è dura gestire 100 mq di locale, pensate cosa vuol dire dirigere 2.000 mq in tempi di Pandemia globale.

Impresa impossibile, che infatti ha portato la famiglia Boffa ad uscire dal progetto e concentrarsi sul Real Estate di fascia alta, il vero core-business dell’azienda torinese.

Continua così la maledizione dei grandi spazi torinesi, falcidiati dalla Pandemia e da un modello di consumo che a Torino continua a premiare le piccole realtà.

SNODO, Edit Torino (che ha rifocalizzato completamente il business), Mercato Centrale vivono una fase di crisi o di ripensamento. Per non parlare dei fallimenti, come nel caso di Turet.

Con molte aziende della ristorazione sul mercato, gestire una grande superficie è diventato una roulette russa. Insostenibile per molte aziende anche sane.

Vedremo come SNODO si evolverà, se rilancerà o prenderà la via di un forte ridimensionamento.

Certamente il nostro articolo di luglio 2020 sta avendo risposta. Ed è “forte ridimensionamento”.

Building lascia SNODO: rifocalizzazione sul Real Estate

A Torino il Gruppo Building ha recentemente inaugurato Domus Lascaris, rivisitazione di un palazzo razionalista degli anni Cinquanta a due passi da piazza Solferino.

Ha avviato il cantiere di Uptown Torino, la riconversione della struttura dell’ordine La Salle di Villa San Giuseppe in edificio residenziale, mentre a Milano sono diversi i progetti avviati nel luxury real estate.

Tag:
Dario Ujetto
Dario Ujetto

Da adolescente senza computer a quasi quarantenne googleiano DOC. Ovvero: come passare dalla lettura del giornale cartaceo, alla scrittura di un blog in meno di un nano secondo. Ma mi occupo anche di marketing, cibo, libri e comunicazione.

  • 1

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.