Manca poco...

Sto cercando...

Proposte per la ristorazione: scende in campo UBRI

Dario Ujetto
Condividi

Arrivano le proposte per la ristorazione italiana di UBRI (Associazione di cui avevamo parlato qui). Il gruppo di imprenditori critica le misure adottate finora dall’esecutivo. E chiede di partecipare alla stesura dei nuovi provvedimenti.

L’obiettivo è evitare che il quinto decreto Ristori si trasformi nell’ennesima pezza incapace di dare sollievo al mondo della ristorazione.

Ubri ha scritto al governo le sue proposte per la ristorazione, chiedendo di essere coinvolta al tavolo convocato per varare le ultime misure di sostegno a imprenditori e commercianti.

UBRI è “definitivamente delusa per l’assenza di azioni proattive da parte del governo, rispetto alla natura affatto efficace dei precedenti decreti Ristori“.

La missiva è stata recapitata al ministero dello Sviluppo economico e al premier Giuseppe Conte, accompagnata dalla richiesta di prendere parte alla stesura di misure giudicate “imprescindibili” per “dare fiato alla ripresa“.

Se non interveniamo immediatamente – ha dichiarato il presidente di Ubri Vincenzo Ferrieriarriveremo a bruciare in 12 mesi un impressionante numero di attività che rappresentano una delle parti più dinamiche dell’impresa italiana e che coinvolgono decine di migliaia di persone, sia come addetti che come produttori e indotto“.

Proposte per la ristorazione: si parte dal delivery

UBRI ha redatto una serie di consigli indirizzati ai tecnici del governo.

Tra le priorità, la necessità di contrastare “la gestione selvaggia di scontistiche cosiddette promozionali imposte dalle società di delivery, che vanificano del tutto i ricavi e rendono la concorrenza fra brand ai limiti del consentito“.

Serve “una norma che definisca il cap dei fee e poter convertire parte di tali commissioni in credito di imposta per i ristoratori“.

Aperture nel weekend e rispetto delle norme

Per rilanciare i consumi è altresì necessario “tenere aperto nel week-end e alla sera. Partendo dal presupposto che non c’è dato scientifico che leghi la diffusione del contagio alla frequentazione di locali che rispettano le regole (ingresso a numero chiuso e verificato della temperatura, distanziamento, sanificazione)”.

Serve sedersi al tavolo con il Comitato tecnico scientifico e valutare soluzioni in sicurezza per la convivenza responsabile con il Covid.

Proposte? Tutto a prenotazione obbligatoria, frequentazione esclusiva del proprio quartiere/isolato e promozione soltanto della ristorazione vicino a casa, prendendo spunto dalle esperienze già attive negli altri Paesi europei.

Erogazione stabile della Cassa Integrazione

Secondo Ubri l’attuale schema di erogazione della cassa integrazione non permette una corretta pianificazione delle presenze.

Serve intervenire urgentemente dando da subito la possibilità di usufruire della cassa integrazione fino al 30 giugno 2021, con lo sgravio contributivo fino a marzo per tutte le risorse operative, lo sgravio fiscale di un anno per i nuovi assunti e il ripristino delle forme di voucher.

Infine, va considerata l’ipotesi di un anno bianco a livello fiscale e tributario per i settori in questione, rendendo libere le diverse Regioni e i Comuni di abilitare la deroga ad alcuni tributi quali Tari e Cosap.

Infine per Ubri, l’attuale negoziazione dei canoni ad personam non è più praticabile: serve una norma di legge che incentivi i proprietari a scontare i canoni e stabilisca criteri per gli sconti minimi da applicare.

Tag:
Dario Ujetto
Dario Ujetto

Da adolescente senza computer a quasi quarantenne googleiano DOC. Ovvero: come passare dalla lettura del giornale cartaceo, alla scrittura di un blog in meno di un nano secondo. Ma mi occupo anche di marketing, cibo, libri e comunicazione.

  • 1

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.