Manca poco...

Sto cercando...

Unione Brand della ristorazione italiana: Milano in campo

Dario Ujetto
Condividi

Si chiama Unione Brand della Ristorazione Italiana (Ubri) ed è il primo caso di sinergia tra aziende concorrenti del settore, tutte sviluppate sul concetto di brand. Il centro promotore è il territorio di Milano, dove tutte le aziende hanno sede, così come il progetto Lombardia Re.Start.

Ubri: chi ne fa parte?

Nel periodo più nero per le attività di ristorazione, è nato un gruppo inizialmente composto da 11 soci fondatori, che messi assieme contano 400 locali, occupano 3.300 dipendenti e hanno realizzato, nel 2019, un fatturato complessivo di 200 milioni di euro.

Gli undici fondatori hanno avviato tavoli operativi di confronto per diverse tematiche:

  • innovazione digitale;
  • acquisti;
  • sviluppo;
  • personale e formazione;
  • operations;
  • internazionalizzazione;
  • locations;
  • finanza e questioni legali;
  • rapporti istituzionali;
  • marketing.

La condivisione di conoscenze renderà più efficienti i propri modelli di business.

Alla presidenza dell’Unione sale Vincenzo Ferrieri, proprietario e amministratore delegato di CioccolatItaliani, il quale ha esordito con un messaggio molto chiaro indirizzato al governo, alla vigilia della definizione dei protocolli per la riapertura della ristorazione.

“Se le misure sono quelle di cui abbiamo sentito parlare in questi giorni, compresa la distanza interpersonale dei quattro metri, il nostro business non sarà sostenibile. Le perdite potrebbero arrivare all’80% anno su anno. Non sindachiamo sulle misure, che si fondano sulla salute dei clienti e dei nostri collaboratori, ma chiediamo interventi fondamentali per restare in piedi” ha affermato Ferrieri durante la presentazione della neonata Unione.

Antonio Civita di Panino Giusto ha aggiunto: “Se le condizioni sono quelle ventilate, non ci sarà una vera ripresa e nei prossimi tre mesi rischieremo di perdere più soldi di quanti ne abbiamo già persi finora. Con queste limitazioni, molti locali della mia catena non verranno riaperti”.

 

Unione Brand Ristorazione Italiana

 

Unione Brand Ristorazione Italiana ha stilato un documento di 15 punti che verrà proposto al governo, attraverso il Mise, con l’elenco delle misure urgenti per salvare la ripresa della ristorazione.

Cosa chiede UBRI?

Le richieste da parte dell’Unione Brand Ristorazione Italiana sono:

  • Cancellazione delle imposte nazionali e locali alla rateizzazione senza interessi di Ires e Irap;
  • Proroga degli ammortizzatori sociali fino al 31 dicembre;
  • Voucher di lavoro temporaneo per 24 mesi;
  • Contributi a fondo perduto per gli investimenti digital;
  • Regolamentazione dei canoni d’affitto degli immobili commerciali sulla base del fatturato sviluppato.

Sono già state accolte 50 richieste di adesione.

Tag:
Dario Ujetto
Dario Ujetto

Da adolescente senza computer a quasi quarantenne googleiano DOC. Ovvero: come passare dalla lettura del giornale cartaceo, alla scrittura di un blog in meno di un nano secondo. Ma mi occupo anche di marketing, cibo, libri e comunicazione.

  • 1

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.