Manca poco...

Sto cercando...

Tags:

Pescaria Torino: avere successo nel 2020

Elena Belliardi
Condividi

Pescaria Torino compie un anno. Era infatti l’ottobre 2019 quando uno dei marchi più attesi sulla piazza aprì lo store di piazza Carignano (angolo via Accademia delle Scienze).

E parlano subito i numeri, 2,5 milioni euro di fatturato nonostante il lockdown.

Ma quali sono quindi i fattori di successo di Pescaria Torino? Sveliamo che sono caratteristiche che riguardano la struttura e la strategia generale dell’azienda, che forte di un’organizzazione agile e veloce ha saputo meglio di altri affrontare il 2020 (l’anno nero della ristorazione italiana).

Il primo fattore di successo è la gestione del brand, costruito passo dopo passo grazie all’azione di Brainpull (l’agenzia di marketing co-fondatrice, nda).

Esempio della gestione del brand è stata la campagna pubblicitaria integrata “Pescaria ti porta il mare”, in collaborazione con Glovo e Sky, insieme alla campagna di influencer marketing “Accorciamo le Distanze”, ha ottenuto risultati d’impatto in tutta Italia: nella sola Puglia 950 contatti in 24 ore, 1.000 consegne in 10 giorni, 35K del fatturato in 7 giorni. A Milano e Torino: + 32% Variazione Delivery, + 30% Variazione Cantina (vini di Puglia a domicilio), 20% media su fatturato previsto.

Il secondo fattore di successo è sicuramente la location, su due piani e in grado di assicurare un distanziamento sociale senza sacrificare il servizio.

Il terzo fattore è la velocità di reazione alla crisi, fattore consentito anche dai rapporti di stretta collaborazione con il gigante del delivery GLOVO.

Lo store Pescaria Torino non ha mai chiuso, neanche a marzo: la decisione è stata quella di potenziare e affinare le campagne digital a supporto del servizio delivery in città, creando pochi giorni dopo una piattaforma autonoma di prenotazione di pranzi e cene a domicilio (operativa per la prima volta in assoluto anche in Puglia).

Quarto fattore è stata la sicurezza di trovare il brand sempre disponibile e con un servizio standardizzato.

Un locale aperto 7 giorni su 7, per 12 ore al giorno, che offre sia la prenotazione per pranzare o cenare al tavolo che quella per poter ritirare il proprio asporto a un orario concordato, riuscendo quindi in entrambi i casi a gustare le bontà di Pescaria senza alcun tipo d’attesa.

Pescaria: in linea con le nuove generazioni


Pescaria è inoltre in linea con il sentire dei Millennials e della Generazione Z. E’ stato il primo format in Italia completamente plastic free: da dicembre 2018 Pescaria ha scelto di rinunciare alla plastica monouso risparmiando circa 7 tonnellate di plastica al mese per punto vendita.

Al posto della plastica posate e bicchieri in PLA, materiale derivato dal mais perfettamente simile alla plastica ma in tutto e per tutto biodegradabile e compostabile.

Ulteriore punto di forza del format è la gestione ottimizzata della logistica e dei magazzini, che porta ad un tasso di spreco degli alimenti inferiore al 5%. A settembre Pescaria ha aperto anche a Roma e Bologna.

Tag:
Elena Belliardi
Elena Belliardi

Appassionata di nuove tecnologie, web e comunicazione. Web professional, content editor, translation team leader, ma anche cultrice del cibo e del bere buono e - ahimè - super golosa!

  • 1

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.