Manca poco...

Sto cercando...

Perché il caffè in Italia costa solo 1€?

Dario Ujetto
Condividi

Perchè il caffè in Italia costa solo 1€? E perchè ancora molti consumatori vedono con sospetto una tazzina che costa di più?

Ce lo spiega uno dei punti di riferimento dell’informazione sul mondo degli Specialty Coffee, Perfect Daily Grind.

Una bella analisi di Tasmin Grant, spiega il perchè della soglia psicologica del caffè in Italia.

Di seguito un riassunto in italiano dell’articolo originale.

Secondo alcuni rapporti, l’espresso – dopo l’acqua – è la seconda bevanda più consumata in Italia. Milioni di tazze di espresso sono bevute ogni giorno in tutta Italia.

Nonostante l’inflazione (1€ nel 2000 vale oggi 1,39€ – ovvero una variazione cumulativa dei prezzi del 39%) il costo di un espresso è rimasto costante. Il prezzo medio del caffè in Italia al bar rimane di circa 1€.

IL SIGNIFICATO DELL’ESPRESSO IN ITALIA

L’espresso è una parte prevalente della cultura italiana dal 1884, quando Angelo Moriondo a Torino fabbricò una macchina che utilizzava il vapore per ridurre la quantità di tempo necessaria per preparare una tazza di caffè.

Le macchine per caffè espresso iniziarono a diventare comuni nelle caffetterie nei primi anni del XX secolo. Questo portò presto alla nascita di “espresso bar” in Italia.

Nel 1911, le autorità italiane imposero un prezzo massimo per il caffè. Dati questi prezzi bassi, gli operatori di bar espresso cercarono di tagliare tutti i servizi aggiuntivi. Molti di loro iniziarono a far pagare un prezzo diverso per il caffè da seduti.

COME INFLUISCONO I CONSUMI SUL PREZZO DELL’ESPRESSO?

Circa il 97% degli adulti italiani beve caffè ogni giorno. Nella cultura del caffè italiano, non è raro bere diversi espresso nel corso della giornata.

In Italia, la forte preferenza è per il caffè amaro, intenso, audace.

I bar spesso utilizzano tostature scure e talvolta anche una miscela di arabica e robusta per un maggiore contenuto di caffeina.

Generalmente, andando più a sud, i bevitori di caffè preferiscono i caffè più scuri. Inoltre, il classico singolo espresso italiano è pari a 7 grammi in preparazione e quindi 25ml in tazza.

Bari ha l’espresso con il prezzo più basso in tutte le città italiane intervistate, a 0,75 €. Il più costoso si trova a Bologna, dove il prezzo medio è di 1,10 €.

La tostatura tipica italiana nasconde facilmente i difetti e utilizza chicchi di qualità inferiore. Alcuni torrefattori italiani sono stati in grado di acquistare caffè verde economico, consentendo ai baristi di mantenere bassi i prezzi.

I bar in Italia hanno margini incredibilmente alti sull’espresso, una media di 0,96€ a tazzina. Più avanti lungo la filiera, i torrefattori guadagnano 0,18€ a tazza, mentre i produttori guadagnano in media solo 0,02€.

Caffè in Italia

Il prezzo del caffè in Italia è giusto? No!

È chiaro che molti italiani vogliono preservare l’accessibilità economica dell’espresso.

Tuttavia, in tal modo, molti bar continueranno a utilizzare caffè più economico e di qualità inferiore.

Dario Fociani è il co-fondatore del Faro Caffé Specialty di Roma: “in modo approssimativo, penso che forse l’1% della popolazione è consapevole della terza ondata di caffè. Ci sono molte persone che vogliono mantenere le cose come sono”.

Le persone sono abituate a pensare che il caffè sia economico e che i profitti nel caffè siano alti anche a 0,90€. In realtà, i costi fissi sono così alti rispetto ad altri tipi di prodotti, come alcol, pane e pizza e il caffè non ha letteralmente alcun margine di profitto.

IL FUTURO DELL’ESPRESSO ITALIANO

L’arrivo di Starbucks in Italia ha contribuito a cambiare il modo in cui le persone vedono il caffè in Italia. Più che mai, i consumatori italiani di caffè stanno iniziando a guardare alla fine della filiera del caffè, piuttosto che solo alla tostatura, alla preparazione e al consumo.

Circa il 90% dei bar in Italia sono indipendenti, ma solo cento Specialty Coffee shop in tutta Italia.

Dario Fociani dice di vedere ancora che le persone sono riluttanti ad accettare i nuovi standard di caffè speciali e i suoi prezzi più alti. Pensa che i coffee shop specializzati dovrebbero mostrare profili di sapore “italiani” più tradizionali accanto a tostature più leggere.

Dice che questo aiuterà ad educare i consumatori a provare nuovi sapori e aromi, oltre a renderli più disposti a pagare un prezzo maggiore per un caffè migliore.

Un aumento dell’interesse può indurre le persone ad accettare prezzi più alti. Tuttavia, sembra che il caffè espresso a 1€ sarà un punto fermo italiano per qualche tempo ancora.

Link interessanti: Consorzio tutela Caffè tradizionale italiano.

Tag:
Dario Ujetto
Dario Ujetto

Da adolescente senza computer a quasi quarantenne googleiano DOC. Ovvero: come passare dalla lettura del giornale cartaceo, alla scrittura di un blog in meno di un nano secondo. Ma mi occupo anche di marketing, cibo, libri e comunicazione.

  • 1

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.