Manca poco...

Sto cercando...

In una pizzeria di Vinovo parte il progetto TOTA

Dario Ujetto
Condividi

Il progetto “Tota®” (tota in piemontese si usa per le ragazze ancora da sposare) è l’acronimo di:
T radizione;
O riginalità;
T erritorio;
A rtigianato.

L’idea nasce da Alberto Scopelliti e da Rachele Pollano di PizzaLab a Vinovo (e il Conte Grasso sempre nella medesima città) e dalla voglia di poter lavorare direttamente con i produttori del territorio. Secondo obiettivo è la voglia di provare a raccontare le loro storie attraverso la pizza.

PizzaLab continuerà a lavorare con i prodotti che ci arrivano dal resto d’Italia, ma il progetto TOTA è la volontà di sfuggire dai luoghi comuni (la burrata solo pugliese, il crudo solo di Parma, il pomodoro solo dal meridione d’Italia).

Ad avvicinare i produttori al progetto TOTA è anche l’affinità generazionale: magari con una lunga tradizione ma al momento guidate dalla “nuova” generazione (diciamo dai 30 anni ai 45/50 anni).

“Altro aspetto unico ed affascinante del progetto Tota® è stato il poter andare in massimo 30 minuti di auto – ci spiega Alberto Scopelliti – a visitare le aziende e toccare con mano i prodotti” (ad eccezione di Carlo Manzella che ha lo stabilimento a Piacenza).

Uno dei collaboratori di PizzaLab, Giuliano Succi, ha affiancato Alberto Scopelliti nel tour con i produttori e ha realizzato lo spot per il lancio della linea. Di seguito l’elenco delle aziende per ora coinvolte:

  • Molino Fruttero;
  • Viva La Farina;
  • Olio Besuc;
  • Caseificio San Martino;
  • Azienda Agricola Piero Berruto;
  • Agrisalumeria Luiset;
  • Caseificio Le Copette;
  • Pomodori Carlo Manzella;
  • Miemole;
  • Cooperativa Trifoglio;
  • Azienda Agricola Olivero Claudio;
  • Sapienza Salumi.

Lo spot del progetto: https://www.facebook.com/contegrassopizzalab/videos/685691382356427/

Tag:
Dario Ujetto
Dario Ujetto

Da adolescente senza computer a quasi quarantenne googleiano DOC. Ovvero: come passare dalla lettura del giornale cartaceo, alla scrittura di un blog in meno di un nano secondo. Ma mi occupo anche di marketing, cibo, libri e comunicazione.

  • 1

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.