venerdì 31 luglio 2015

BUONE VACANZE E PREPARIAMOCI PER UN GRANDE SETTEMBRE


Eat Piemonte va in vacanza, posteremo dalle nostre presenze sociali.

Ci attende un settembre ricco di novità, con una nuova veste grafica e con la pianificazione di nuovi contenuti. Tenteremo di "diventare grandi" superando la fase artigianale e collaborando maggiormente con le tante realtà imprenditoriali del nostro Piemonte. Insomma, daremo il nostro contributo per "fare sistema".

Ma ci sarà tempo per approfondire! Intanto godiamoci le belle notizie. Il 10 agosto riapre il "nostro" Platti e a settembre sono in arrivo tante novità in Piemonte.

giovedì 30 luglio 2015

AMAZON - IL PIU' GRANDE SUPERMERCATO D'ITALIA

Immagine di un magazzino AMAZON

Amazon ha lanciato la versione BETA del suo store online per ALIMENTARI e CURA DELLA CASA

Una vera rivoluzione, soprattutto perchè coinvolge il più grande dettagliante del mondo (QUI articolo de IlSole24Ore con cifre e dati aggiornati).

Le iniziative per portare la spesa da supermercato direttamente nelle case degli italiani sono e sono state tante. 
Precursore fu Esselunga con Esselunga a casa che, secondo la leggenda, costò perfino il posto a Giuseppe Caprotti. Altra iniziativa legata alla grande distribuzione è Supermercato24.

Sull'argomento non basterebbe un post, ma la spesa online rimane una nicchia di mercato con 200 milioni€ annui di spesa.
Ora Amazon, un gigante da 74,45miliardi $ di fatturato annuo, si butta nel comparto forte di una presenza italiana già consolidata.

A prima vista, il sito è ben fatto e offre le principali marche da GDO (vedi sotto) senza particolari convenienze di prezzo.
Ci troviamo però in una prima fase di startup, e interessante per il comparto è la possibilità di far accedere al "marketplace" anche le PMI alimentari.

Ci troviamo davanti una rivoluzione? Amazon darà linfa all'e-commerce alimentare italiano o si prenderà tutta la torta?
Sicuramente l'investimento di Amazon è positivo, dimostra a tutti che anche nella California degli imprenditori di successo il "sistema cibo" italiano fa "gola".
Forti dell'accordo con Eataly.Net sulla piazza di New York, Amazon potrà accedere anche all'eccellenza italiana per digitalizzare le nostre aziende?

Il rapporto non sarà facile. Amazon è partner difficile, un cannibale del profitto abituato a trattare (e battagliare) con grandi marchi e che spesso non viene ritenuto conveniente dalle PMI.
Inoltre ci sono problemi "etici". Perchè dovrei favorire Amazon (noto sfruttatore globale di manodopera) e sfavorire, per esempio, una startup italiana come Cortilia?

Lo sbarco di Amazon sarà utile a migliorare tutto il sistema, creare cultura del commercio digitale e spingere le nuove generazioni di imprenditori alimentari ad aprirsi al mondo.
Nel breve e medio periodo legarsi ad Amazon sarà conveniente, poi meglio imparare a camminare con le proprie gambe ...

Le marche dentro il negozio alimentare italiano di AMAZON
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...