Manca poco...

Sto cercando...

Il Superiore al Barolo Del Professore vince a Bruxelles

Elena Belliardi
Condividi

Ovviamente parliamo di Vermouth di Torino, e precisamente del Superiore al Barolo del Professore prodotto nell’Antica Distilleria Quaglia di Castelnuovo Don Bosco nell’astigiano.

Il prodotto ha ricevuto la Medaglia d’Oro del Concours Mondial de Bruxelles 2020 al recente Spirit Selection, evento internazionale alla sua 21a edizione, che premia i migliori spirits di tutto il mondo (qui il link diretto).

I produttori del Superiore al Barolo Del Professore si dichiara l’unico vermouth al mondo realizzato a partire da una base caratterizzata dal Re dei vini, il Barolo.

Nello specifico il Barolo del vigneto Cerretta, un grande cru della celebre cantina Ettore Germano di Serralunga d’Alba.

Nato dalla ricerca e dalla creatività Del Professore, azienda fondata dal gruppo del The Jerry Thomas Project di Roma (il primo speakeasy italiano), il Vermouth di Torino Superiore al Barolo è un vero e proprio ritorno alle origini.

Una miscela segreta di erbe e spezie selezionate, tra cui assenzio, rabarbaro, vaniglia, china, chiodi di garofano, il doppio invecchiamento in botti di rovere, prima come vino Barolo e poi come vermouth, per circa 3 o 6 mesi.

Superiore al Barolo Del Professore: perché Spirits Selection?

Spirits Selection, nato da una costola del Concours Mondial de Bruxelles, è l’appuntamento internazionale di riferimento che premia i migliori spirits provenienti da tutto il mondo, unico nel suo genere ad essere itinerante.

Grazie al panel internazionale di giudici, le sessioni formative a loro dedicate, le degustazioni alla cieca e un rigoroso controllo dei campioni ricevuti, il concorso si distingue per qualità, imparzialità e fiducia.

Tutti i risultati del 2020 qui!

Tag:
Elena Belliardi
Elena Belliardi

Appassionata di nuove tecnologie, web e comunicazione. Web professional, content editor, translation team leader, ma anche cultrice del cibo e del bere buono e - ahimè - super golosa!

  • 1

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.