Economia e analisi

Venchi Smart Packaging: quando la Ricerca paga

Venchi Smart Packaging

Sarà presto su scaffali ed espositori di supermercati e negozi il Venchi Smart Packaging, una confezione intelligente che grazie a una molecola molto sofisticata è in grado di assorbire le sostanze che deteriorano i prodotti.

Il progetto e la realizzazione di questa nuova forma di conservazione degli alimenti ha preso vita nei laboratori di ricerca della Venchi di Castelletto Stura (Cn), grazie a finanziamenti della Regione e del Mise.

Per far fronte alla spesa di 6,8 milioni€ – costo complessivo tra ricerca, sperimentazione e realizzazione – l’azienda aveva chiesto aiuto alle istituzioni.

Venchi aveva così partecipato a un bando pubblico dedicato ai progetti Food Tech eco-sostenibili nel campo alimentare.

Dopo il disco verde delle commissioni del Mise e della Regione Piemonte, alla fine sono stati erogati 3,2 milioni€ all’azienda (circa il 50% dell’ammontare del costo totale) che è così riuscita a portare a termine il suo progetto.

A dare il via libera al finanziamento è stato l’assessore Regionale all’Innovazione tecnologica, Matteo Marnati.

Questo tipo di confezioni si chiamano Shelf-life e hanno ruolo “attivo” nella conservazione dell’alimento, essendo in grado di interagire con il prodotto o l’ambiente circostante per esempio “catturando” sostanze indesiderate quali ossigeno oppure umidità.

Il progetto di Venchi comprende anche una parte più strettamente legata alla produzione del cioccolato con l’impiego di prodotti nobili come nocciole nostrane e olio d’oliva, escludendo in questo modo olio di palma e sostanze sofisticate.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.