Startup e nuovi trend

Svinando acquisita da Italian Wine Brands

Riceviamo e pubblichiamo dall’ufficio stampa di Svinando.
Italian Wine Brands S.p.A. – uno dei più grandi gruppi vinicoli privati italiani, quotato alla borsa valori di Milano – annuncia l’acquisizione, attraverso la controllata Giordano Vini S.p.A. del 100% del capitale di Pro.di.ve. S.r.l., start-up torinese proprietaria del la piattaforma di vendita online Svinando Wine Club, avvenuta lo scorso 26 marzo.
Fondato nel 2012 da Riccardo e Lorenzo Triolo e Sara Galvagna, è stato fra i primi operatori a introdurre in Italia il modello delle vendite private online applicato al settore vinicolo.
Divenuto in pochi anni un punto di riferimento per gli appassionati di vino, Svinando si è quindi affermato con successo sul mercato italiano e vanta oggi più di 100.000 utenti registrati e un fatturato di circa 1 milione € a EBITDA positivo.
L’acquisizione è in linea con la strategia di sviluppo di Italian Wine Brands che prevede anche l’uso mirato della crescita per linee esterne con realtà dotate di competenze specialistiche.
Sotto il profilo strategico, l’operazionemira a rafforzare ulteriormente la posizione di leadership di IWB nel settore delle vendite di vino online, caratterizzato da un alto potenziale di crescita.

Svinando: parlano i protagonisti

Alessandro Mutinelli, Presidente e CEO di Italian Wine Brands: “Diamo il benvenuto a Svinando ed ai fratelli Triolo nel gruppo IWB. Questa acquisizione si inserisce a pieno titolo nel piano di crescita del gruppo, che è attivo sia nel canale diretto (distance selling), che in quello indiretto (wholesale).
Svinando apporterà ad IWB un nuovo segmento di clientela, con un prezzo medio dello scontrino più elevato.
La società acquisita potrà contare sulle sinergie di IWB, in particolare nella logistica, ricerca e sviluppo prodotto, nonché nell’accesso ai mercati internazionali, dove IWB già opera con il marchio Giordano”.
Pier Paolo Quaranta, CEO di Giordano Vini S.p.A.: “L’acquisizione di Svinando porta all’interno del gruppo IWB elevate competenze di online marketing e la possibilità di servire i nostri clienti privati, oltre 1 milione in tutta Europa, con una selezione di vini di elevata qualità che si unisce a quella dei vini a marchio proprio”.
“Sono soddisfatto dell’accordo raggiunto con IWB: l’operazione rappresenta per Svinando un’occasione importante di crescita e sviluppo dal punto di vista di brand, offerta e prodotto, penetrazione di mercato e ampliamento del management, nonché l’inizio di un percorso comune di successi” – dichiara Riccardo Triolo, co-fondatore e CEO di Svinando.
Soddisfazione anche da parte dei soci uscenti: “l’acquisizione da parte di IWB è una conferma della bontà del progetto Svinando e della qualità dell’execution con cui è stato sviluppato – spiega Sara Galvagna, co-fondatrice e socio di maggioranza – e siamo certi che l’operazione con IWB porterà Svinando a un livello superiore”.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento