Recensioni

San Giors: la Torino d’atmosfera prende nuova linfa

San Giors

Ristorante ed albergo. Le due anime del San Giors hanno ripreso nuova linfa grazie alla recente nuova gestione di Simona Vlaic, architetto e custode del luogo.

Il San Giors è al centro della confluenza fra Porta Palazzo e Borgo Dora. Un luogo molto torinese, con centinaia di storie da raccontare.

Uno scrigno tutto legno e specchi, molto amato da artisti ed intellettuali. Dal 2013 è locale Storico d’Italia.

Ma proprio il peso della sua storia ha rischiato di affossarlo. La nuova gestione è stata una scommessa, con nuove stanze (ben 13) pensate ognuna da un differente artista contemporaneo (qui la lista).

Ovviamente come blog di cibo, ci concentreremo però sul ristorante. Per nostra pigrizia abbiamo rischiato di non scoprire un grande luogo di cibo tradizionale piemontese.

Tolta la polvere dalla cucina, così come è stato fatto dall’offerta alberghiera, la carta è stata affidata ad un cuoco di assoluto talento come Manolo Murroni.

Recita il sito del San Giors: “lo Chef è Manolo Murroni, quarantenne di origini sarde con venticinque anni di esperienza nelle cucine di tutta Europa. Nei suoi coloratissimi piatti, Manolo ama trasmettere emozioni, entusiasmo, creatività: una delizia per gli occhi e per il palato, con una maniacale attenzione agli accostamenti e ai contrasti, oltre che all’utilizzo sapiente e rispettoso delle materie prime. Tutti i suoi piatti sono preparati al momento per poter garantire sempre il massimo della qualità”.

San Giors

San Giors: il ristorante

Il ristorante propone una selezione dei migliori piatti della cucina gastronomica piemontese: dal vitello tonnato, agli agnolotti del plin al sugo d’arrosto, alla bagna caôda, al brasato al Barolo e al bônet.

Specialità della casa è ovviamente il bollito misto alla piemontese (muscolo, testina, scaramella, lingua, brutto e buono, coda, cotechino e gallina) con le salse di accompagnamento (bagnetto verde e rosso, cognà, mostarda di frutta, salsa d’avije, rafano e maionese).

Chef Murroni abbina la tecnica con un’umiltà difficile da trovare in altri colleghi. Ha saputo abbinare tecnica e tradizione, creando piatti che non annoiano.

Presenti formule e menù anche per il pranzo.

San Giors, via Borgo Dora 3, Torino. Prenota qui.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.