Economia e analisi

Perchè Ruffini (Moncler) entra in Langosteria

La Holding che controlla i marchi Langosteria ha ceduto il 40% a Ruffini Partecipazioni Holding, legata al CEO ed azionista di Moncler Remo Ruffini.

L’imprenditore milanese Enrico Buonocore verrà quindi affiancato da un partner di peso e simbolo del fashion. Buoncore è a capo dei ristoranti milanesi Langosteria, Langosteria Bistrot, Langosteria Café Milano e il ristorante stagionale a Paraggi.

Ma perchè anche Ruffini investe nel cibo? Oggi un marchio del cibo è assimilabile come clientela e trend alla moda. E le potenzialità di espansione internazionale è la stessa.

Ci vogliono solo capitali. Proprio quelli che Ruffini porterà nella società.

E proprio il mix di competenze fra Ruffini e Bonocore può portare al successo il marchio.

Del resto, non si contano più gli investimenti del fashion nel cibo. Come dicemmo in un nostro post, non è questione di vendere cibo ma glamour e sogni. E gli imprenditori italiani della moda sono ancora i più bravi a vendere questo asset intangibile.

Francesco Trapani, ex Bulgari, è un altro esempio anche se a livello di ristorazione più POP rispetto ai marchi lanciati da Bonocore.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.