Economia e analisi Startup e nuovi trend

Robert Ilijason e il suo Convenience Store

Robert Ilijason ci porta in un futuro possibile. A differenza di uno dei più deludenti padiglioni di Expo, quello della COOP e di Carlo Ratti Associati, il giovane imprenditore svedese ha lanciato il primo Convenience Store totalmente automatizzato.

Ne parla Associated Press nel suo portale. Robert Ilijason è un giovane imprenditore IT svedese con qualche problema di orario e di sociopatia.

Ha brevettato, disegnato ed aperto un minimarket (a Viken) di 45mq accessibile con smartphone (scaricando una app) e dove ogni prodotto deve essere scannerizzato e quindi messo nel carrello. Il conto arriva a fine mese, in un pagamento unico direttamente su carta di credito.

Per ora la gamma del minimarket è basica, adatta ad una spesa di sopravvivenza e di prossimità. Non ci sono casse, non ci sono addetti ma sei telecamere di sorveglianza interna. Lo store è aperto 24/24 sette giorni su sette.

“Il mio format è adatto alle piccole città – spiega Robert Ilijasoned è incredibile che nessuno ci abbia pensato prima”. Viken ha 4.500 abitanti.

L’unico intervento umano avviene allo scarico e carico della merce su scaffale, e poi in fase di manutenzione. L’atto della spesa potrebbe durare pochi minuti.

Il modello appare vincente, rispetto a quanto fatto vedere da COOP, per la semplice ragione che usa intensamente uno strumento che tutti abbiamo in tasca, lo smartphone.

L’estremo atto di spersonalizzazione del cibo è stato compiuto. Ovviamente ci pare difficile poter replicare (al momento) il modello in grandi agglomerati urbani ma tutto è possibile. L’uso intensivo di scanner, lettori e app è il sogno di tutti i grandi attori del retail.

L’intermediazione umana è lasciata alle piccole realtà o ai modelli retail premium.

Ovviamente l’avventura di Robert Ilijason rappresenta un laboratorio, ma la trasformazione della distribuzione da settore ad alto tasso di lavoro ad alto tasso di capitale/tecnologia è una realtà che osserviamo da anni. Ne risente anche la qualità del cibo e della filiera?

Nella logica no, in realtà sì. La continua corsa al taglio e alla compressione dei costi mette sotto stress il fornitore, il produttore di cibo.

In ultimo, negozi silenziosi con persone che neanche si guardano in faccia mettono decisamente tristezza.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.