Economia e analisi

RISO TROPPO ASIATICO?

Il riso importato in Italia è sano? E soprattutto, si deve importare riso?
Roberto Moncalvo e la Coldiretti hanno iniziato a protestare in piazza contro le “indiscriminate importazioni dall’estero, in particolare dalla Cambogia, per l’azzeramento dei dazi doganali da parte dell’Unione Europea e delle sperequazioni all’interno della filiera”.
Oggi, partendo da piazza Castello a Torino, 1.500 risicoltori piemontesi hanno offerto insalata di riso e informazione ai passanti.
Il sistema piemontese conta 2.500 imprese e un totale di 8.000 addetti.
Altre proteste e assaggi di prodotto sono previste, da lunedì, in altre piazze italiane (QUI notizia di La Repubblica).
Nel primo semestre 2014 sono aumentate le importazioni cambogiane del 360%; e l’uso di pesticidi non autorizzati è all’ordine del giorno.
“In questo primo semestre 2014 — denuncia Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti c’è stata una sanzione alla settimana, sul riso arrivato dalla Cambogia, per presenza di pesticidi non autorizzati o assenza di certificazioni sanitarie. E non si tratta di piccoli quantitativi: nel primo trimestre di quest’anno le importazioni da quel Paese sono aumentate del 360%”.
L’accordo “Everything But Arms” (promosso dall’Unione Europea per agevolare Stati sottosviluppati)  ha fatto aumentare del 1.783% le importazioni italiane da Stati terzi. La concorrenza di prezzo rischia, quindi, di danneggiare l’Italia e il sistema risicolo.
Un pericolo in più per la salute del consumatore.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento