Economia e analisi

Ridate Platti ai torinesi!

Platti è in alto mare. Il 3 marzo scrivevamo un post celebrando il “nuovo corso” dello storico Caffè torinese; sono passati pochi mesi e la situazione gestionale è precipitata.
Ventiquattro dei ventotto dipendenti hanno presentato, due settimane fa, istanza di fallimento al Tribunale di Torino (fonte La Repubblica).
Da maggio 2014 dipendenti e fornitori ricevono pagamenti dilazionati e la situazione non è migliorata con l’arrivo (a metà agosto) di tal Alfredo Cardigliano, ex avvocato leccese e noto alle cronache per vicende giudiziarie.
L’avventura croata (apertura di una filiale Platti a Zagabria) pare essere conclusa.
Un nuovo caso Del Cambio si apre sotto la Mole. Speriamo che imprenditori, magari dai nomi meno altisonanti ma dalle idee più chiare, sappiano rilevare e rilanciare un pezzo della nostra storia.
Intanto il 19 novembre ci sarà la prima udienza per l’istanza di fallimento. Si annuncia un lungo iter, proprio alla vigilia del 2015 e di mesi importanti per il turismo torinese.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.