Economia e analisi

Olio di Palma, l’ennesimo “derby” tra cugini

L’affascinante, quanto confusa, Ministro dell’Ambiente francese – tal Ségolène Royal – si è finalmente scusata per la “vaccata” detta contro Ferrero e il suo prodotto di punta Nutella.
Tralasciando la mancanza di professionalità e sensibilità (un Ministro non dovrebbe mai parlare ad personam ma inquadrando sempre un settore) si è fatta portavoce di un trend internazionale che demonizza l’olio di palma e quindi i prodotti che lo contengono. Due piccioni con una fava, farsi bella agli occhi degli ambientalisti e attaccare un prodotto di punta italiano.
Peccato che Ségolène Royal abbia poi fatto marcia indietro e incassato anche la bocciatura di Greenpeace (QUI link articolo di Internazionale).
39486_une-royal-tof
Ma il punto è – l’olio di palma è veramente il tallone di achille della Nutella o siamo di fronte all’ennesima campagna internazionale sul cibo? -.
L’olio di palma è un grasso vegetale estratto dal drupe. Costa meno del burro ed è preferito alla margarina. Costa poco e sul mercato se ne trova in abbondanza. Tanti prodotti lo contengono.
Ma, come sempre avviene, è al centro di una forte diatriba internazionale che rischia di metterlo fuori gioco e di essere una leva di “demarketing” per le aziende che lo utilizzano.
Ovviamente non mancano le demonizzazioni e i luoghi comuni.
  • Il burro fa bene e l’olio di palma fa male? FALSO. Bisogna limitare l’apporto di grassi saturi (sia animali che vegetali) al 10% del proprio apporto calorico giornaliero. Tutti i grassi saturi, sia dal burro che dall’olio di palma.
  • L’olio di palma aumenta il colesterolo? VERO ma solo in parte, e non è ancora stato completamente dimostrato un aumento del colesterolo LDL legato al consumo di olio di palma.L’olio di palma provoca il cancro? FALSO.
Un punto di partenza per informarsi è l’articolo di Wired che punta a chiarire molti aspetti dell’utilizzo di olio di palma nella nostra industria alimentare.
Ferrero (ma anche Nutkao S.r.l., altra azienda piemontese produttrice di tante “private label”) è membro ordinario del Roundtable for Sustainable Palm Oil (RSPO), organizzazione governativa malese che punta a rendere sostenibile per l’ambiente la coltivazione della palma.
Sul suo sito, l’azienda albese esplica la sua posizione sulla questione olio di palma (QUI link).

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.