Recensioni

Le nuove aperture del 2019: da Porta Palazzo ai nuovi ristoranti

Le nuove aperture del 2019 dovranno confrontarsi con un anno magnifico, il 2018, per la ristorazione torinese e piemontese.

Archiviate le nuove stelle torinesi e le conferme piemontesi, il 2019 si annuncia come l’anno della rigenerazione di Porta Palazzo in chiave “food”.

Mai come nel’anno venturo, piazza della Repubblica sarà teatro di ristrutturazioni, riconversioni e piccole/grandi iniziative.

Senza però dimenticare interessanti aperture di grandi a piccole catene, fino ad imprenditori e Chef coraggiosi che si giocheranno l’all-in con nuovi locali.

Intanto Stefano Vola, uno dei protagonisti piemontesi della rivoluzione della pizza, aprirà in piazza del Mercato 4 a Castino il suo nuovo locale. Appuntamento in Alta Langa domani, il 7 dicembre 2018.

Riapre invece l’8 dicembre la Caffetteria del Borgo Medievale a Torino. Un nuovo concept studiato dalla Cooperativa Meeting-Point di Loris Passarella, forte dell’esperienza maturata nella gestione della Fonderia Ozanam di Borgo Vittoria.

In apertura il beershop OltreMalto a Pinerolo in via Chiappero 12. Vendita di birre artigianali in bottiglia con sala di degustazione, alla regia uno dei ragazzi del Birrificio Valsusa e delle birre Laval.

Dal 23 novembre ha inaugurato ufficialmente il caffè vineria BiStrani in via Sassari 1 a Torino.

Si tratta di un progetto unico nel suo genere perché è un caffè vineria all’interno del quale operano persone affette da autismo.

E’ un progetto di inclusione sociale e di inserimento nel mondo del lavoro. Caffè e vineria potranno anche favorire il processo di integrazione con gli altri residenti del quartiere.

L’obiettivo di medio termine è inserire, nel giro di due anni, tra i dieci e dodici adulti con autismo lieve e medio grave, con attività, tempi e orari personalizzati.

Il progetto è opera della onlus Autismo e Società.

Porta Palazzo: Mercato del Pesce inizio lavori febbraio 2019

Non è una nuova apertura, ma a febbraio 2019 inizieranno i lavori di riqualificazione del Mercato del Pesce.

Se tutto procederà come da programmi, serviranno 18 mesi per il nuovo taglio del nastro.

Secondo il progetto del Consorzio formato da Coming Alimentare Srl e dalla Cortese Santo Nicola, gli spazi per la vendita saranno più ampi.

Sono previsti 9 stand ciascuno della superficie di 44 mq.

Ma non solo, perchè si cercherà di rendere il mercato più attrattivo con l’apertura di un ristorante e anche di uno spazio per lo street-food, una friggitoria dove si cucinerà cibo da asporto.

Dal 1° gennaio partirà la convenzione della durata di 60 anni fra il Consorzio e il Comune come spiega Alberto Sacco, assessore al Commercio: “ll consorzio dovrà realizzare una serie di opere di ristrutturazione che, se fatte dalla Città, sono state valutate su base d’asta oltre 1,1 milioni€”.

Nuove aperture 2019: Mercato Centrale Torino

Ci spostiamo di pochi metri, e da marzo 2019 l’apertura più attesa dell’anno. Al Pala Fuksas/Palatino fervono i lavori per lo sbarco di Mercato Centrale a Torino.

Umberto Montano è sempre più presente a Torino, gli imprenditori che lo affiancheranno stanno firmando contratti ed ultimando i progetti.

La potenzialità del progetto è ormai nota. Grandi nomi, da Scabin a Farmacia del Cambio fino a Beppino Occelli ma anche marchi startup come Viva La Farina e aperture di grande successo come Trapizzino.

In rampa di lancio anche il progetto Combo, il terzo motore della riqualificazione di Porta Palazzo.

Ma attenzione ad un’altra bella novità. Da febbraio 2019, sempre in piazza della Repubblica, la squadra di Affini, i ragazzi di Gocce di Cioccolato più un terzo socio daranno vita a Rivendita n°2, una sorta di omaggio alla mixologia italiana. Ne parleremo diffusamente.

Nuove aperture 2019: Christian Mandura e il suo sogno

Nella prima metà del 2019 Christian Mandura dovrebbe inaugurare il suo onirico Unforgettable. Una vera innovazione e scommessa del talentuoso Chef chierese.

Il ristoratore Massimo Palumbo ed i suoi soci sono in apertura di Balik Restaurant, in via San Dalmazzo 26a. Da seguire sui social con l’hashtag #balikexperience.

Pescaria e Starbucks

Torino si conferma come mercato attrattivo per la ristorazione con due aperture di aziende molto diverse fra loro, ma di grande impatto mediatico.

Pescaria ha sostanzialmente confermato l’apertura torinese, ed entro il 2019 i panini di Polignano dovrebbero essere gustati dai palati torinesi.

Figlio dell’accordo fra Percassi e Grandi Stazioni è invece l’apertura del primo Starbucks torinese. Location scelta Porta Nuova.

Alziamo le antenne anche sulla ristrutturazione di Palazzo Durando a Torino, in via Garibaldi.

Nel progetto ci sarà spazio per il secondo Bistrot di Cannavacciuolo, annunciato dopo la stella Michelin?

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.