Recensioni

Ti Dirò: Mehdi El Omari nuova promessa sulla scena di Torino

Dalla volontà di tre soci con differenti esperienze imprenditoriali, nel 2017 ha aperto a Torino il ristorante Ti Dirò (via Cavour 12B). In cucina Mehdi El Omari.

Il ristorante è una bella sorpresa. Esteticamente fresco, ambiente informale. Personale sorridente e preparato.

Sicuramente una location che farà parlare di sè nel 2018.

Ma la vera sorpresa è in cucina, dove un giovane Chef dirige le operazioni. Non tragga in inganno la sua giovane età, Mehdi El Omari è stato già formato al duro lavoro (ha una lunga gavetta ed esperienze soprattutto presso il ristorante Alfredo di Milano).

La sua cucina risente della formazione italiana e delle origini marocchine. Una buona tecnica e professionalità si accompagna ad una forza creativa fuori dal comune.

Mehdi El Omari studia, si applica e sperimenta. Ma il suo lavoro non è mai astratto, parla di food-cost con piglio manageriale ed è in grado di capire i pilastri della ristorazione.

Tratta direttamente con i fornitori, pretendendo sempre la qualità prima del prezzo. Ma senza follie gestionali e sovrastrutture.

Certo, la volontà di cambiare spesso carta magari non aiuta l’identificazione precisa dello Chef e del locale, e molta energia deve essere ancora canalizzata al meglio.

Invitati dall’ufficio stampa del Ti Dirò, abbiamo degustato una selezione dei piatti dello Chef.

Antipasti e primi, un risotto perfetto (fornitore del riso Riserva San Massimo) come le cotture, l’equilibrio fra le materie e l’influenza della cultura nord africana. Miglior biglietto da visita, del resto, un ristorante pieno a metà settimana e molti clienti fidelizzati.

Carne, pesce, cucina creativa ed equilibrio. Mehdi El Omari è sicuramenta stata una scelta vincente per i tre soci del Ti Dirò, che giustamente ambiscono ad inserire la loro insegna nel competitivo mercato torinese.

Un 2018 da vivere come crescita per lo Chef marocchino e per il team di sala.

Ristorante Ti Dirò, via Cavour 12b, Torino, prenotazioni su The Fork.

 

 

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento