Economia e analisi

Lurisia passa alla Coca Cola: l’economia è sangue e merda

Lurisia passa alla Coca Cola. Parafrasando la famosa citazione di Rino Formica, politico socialista, anche l’economia è evidentemente sangue e merda. E sicuramente pecunia non olet.

La grande ascesa di Lurisia nel mondo del beverage, partì grazie al rilancio di prodotti come il Chinotto o di bottiglie di design.

Ansa quantifica in 88 milioni€ l’ammontare dell’operazione.

Coca-Cola HBC Italia ha sottoscritto un accordo preliminare. Lurisia è attualmente controllata congiuntamente dal fondo d’investimento privato IdeA Taste of Italy, gestito da DeA Capital Alternative Funds SGR, dalla famiglia Invernizzi e da Eataly Distribuzione.

Il valore dell’azienda è stato concordato appunto in 88 milioni€, soggetto ad aggiustamento prezzo come da prassi di mercato.

Il completamento dell’acquisizione è soggetto ad alcune condizioni ed è atteso per la fine del 2019.

Lurisia fattura ad oggi 21 milioni€, presente in 42 nazioni.

Finisce un’era. Lurisia passa alla Coca Cola con un’operazione del tutto legittima e sicuramente conveniente per gli azionisti. Ma il sistema cibo del Piemonte non sarà più come prima.

Dopo Grom ed Unilever, un’altra grande Multinazionale acquisisce senza fatica un brand iconico piemontese.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.