Startup e nuovi trend

LA JEUNE RUE – PARIGI ALL’ASSALTO DELLA GASTRONOMIA

Parigi all’assalto della gastronomia e del design internazionale.
Quando si parla di grandi ristoranti e chef, la capitale parigina da un po’ di anni è in seconda fila.
Ma il progetto visionario di Cédric Naudon, immobiliarista di origini marocchine, vuole invertire la rotta.
Portare l’agricoltura, l’eccellenza e il design nel centro di Parigi?
“La Jeune Rue” è un’azione di riqualificazione urbana che coinvolge trentasei location su tre vie, all’interno del III Arrondissement (il Marais, tanto per intenderci).
Un quartiere amante della bella vita e progressista, che verrà investito da gastronomie, bistrot, panetterie, gallerie d’arte e negozi di design. Tutto in mano a nomi di grandi professionisti europei.
La conferenza stampa di gennaio ha visto la presenza di 150 giornalisti, e Parigi è ai piedi di Naudon.
Il magazine progressista L’Express parla espressamente di “cambiamento di Parigi”, una scossa alla vita urbana e un ritorno ai vertici del lifestyle.
Il WSJ ricorda che Naudon ha già esperienza nella ristorazione e che, come avviene in tutto il mondo, ha capito che la food industry di alta qualità e soprattutto un business.
Ma veniamo ai nomi. L’Editore di “luoghi da vivere e in cui mangiare” (così si definisce Naudon) ha messo insieme un “dream team” fra cui gli italiani Andrea Banzi, Michele De Lucchi e Paola Navone. Il designer britannico Tom Dixon è della partita.
Naudon, come tutti gli illuminati, ha capito che il food è ormai lifestyle e può mescolare virtuosamente con il grande design e l’architettura.
“La Jeune Rue” ha richiesto 30 milioni€ di investimenti, il 35% direttamente allocati da Naudon, il resto coperto da un pool di banche. L’apertura della maggior parte delle location è prevista per la primavera.
Chi farà un salto qui, avrà a disposizione un portafoglio di eccellenze invidiabile.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.