Economia e analisi

Scoprire la Carinzia al Salone del Gusto

Scoprire la Carinzia al Salone del Gusto di Torino ci ha colpiti.

Questa terra è sempre stata associata a laghi puliti e paesaggio incontaminato, ma ora è anche riscoperta del buon cibo.

Proprio con un’iniziativa targata Slow Food, la Carinzia ha imboccato una nuova via verso la sostenibilità e la valorizzazione delle eccellenze del gusto e della gastronomia, utilizzando prodotti di stagione di provenienza locale.

Il progetto, iniziato tre anni fa con la prima destinazione Slow Food Travel del mondo (nelle valli Gailtal e Lesachtal), ora si sta estendendo in tutto il territorio carinziano.

Programmi speciali di esperienze e viaggi Slow Food consentono di avvicinarsi direttamente a questo mondo: dalla preparazione del pane alla produzione del formaggio.

Ma anche imparare l’arte di chiudere i famosi tortelloni carinziani al formaggio (Kärntner Käsnudel), assaggiare il gelato della fattoria, assistere l’apicoltore durante la raccolta del miele.

La Carinzia al Salone del Gusto: essere destinazione Slow Food Travel

Slow Food Carinzia è un consorzio di partner che si dedicano a una cultura del cibo sana e consapevole.

Molti i progetti in fase di sviluppo: nei cosiddetti Slow Food Villages rinasce la vita tradizionale dei borghi.

Produttori alimentari tra cui panettieri, macellai, agricoltori ma anche semplici trattorie dove i prodotti vengono utilizzati e valorizzati, collaborano tra di loro per trasmettere con sostenibilità la filosofia di Slow Food.

Nelle scuole e negli asili d’infanzia si trasmettono antiche conoscenze legate ai prodotti alimentari tipici del territorio.

Slow Food Travel è ovviamente legata anche alle esperienze turistiche che si possono vivere in questi luoghi, come la ciclabile della Drava e la ciclovia Alpe Adria che attraversa la frontiera con l’Italia e scende fino al mare.

I vari centri termali e gli Slow Trails, brevi percorsi non più lunghi di 10 chilometri, offrono un programma di rallentamento dei ritmi per l’anima e il corpo.

Sicuramente uno spunto di riflessione anche per lo sviluppo turistico della Regione Piemonte.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.