Eventi sul cibo Recensioni

I Cento Torino 2017: critica alla critica

I Cento Torino 2017 è uscita. La Guida meglio focalizzata sulla ristorazione torinese è da ieri in tutte le librerie ed edicole.

Un classico letterario, curato da Luca Iaccarino e Cavallito&Lamacchia. Per essere precisi, i nomi sono saliti a 110, con citazione di 50 vini da abbinare.

La prima impressione, leggendo la Guida, è che Torino sia ben messa. Lo sosteniamo da anni, la città è uno dei luoghi migliori in Italia (se non il migliore) per rapporto qualità/prezzo. Ciò rende il mercato della ristorazione iper-concorrenziale, con buona pace degli improvvisati che a Torino hanno da sempre vita dura.

Da recenti indagini, si è calcolato che il torinese spende per il suo pasto fuori casa poco più di 1.100€ all’anno. Poco, tanto? Diciamo che da osservatore attento, continuo a pensare che il ristoratore di qualità torinese sia un eroe civile.

Detto questo, sulla classifica delle “50 Piole” si è deciso un profondo turnover, con inserimenti come DBWine-Food-Spirits, Pescheria Gallina, Scalo Vanchiglia. Mancano, a nostro parere, Opposto Restaurant e Cocktail  e Sotto La Mole (ma come dice Iaccarino citando Clint Eastwood, le classifiche sono come le palle, ognuno ha le sue…).

La classifica dei ristoranti di Torino conferma Combal.Zero primo e  Del Cambio secondo. Se questi due nomi appaiono ormai intoccabili (il Messi e Ronaldo della ristorazione torinese?) continua a non convincerci il 9° posto di La Credenza e il 7° di Magorabin. Registriamo la bella novità di Villa Somis e del suo Chef Stefano Chiodi Latini, che a nostro parere merita di più della 36° posizione.

Stefano Sforza e il suo Les Petites Madeleines (al Turin Palace Hotel) sono bassi alla 24° posizione, mentre è stato giusto premiare Alessandro Mecca e la squadra Spazio7. Destinati a salire anche Ivan Milani e il suo Piano35.

Non vi resta che andare a comprare la Guida, replicata anche per Milano e Roma.

I Cento Torino 2017, EDT, dal 10 novembre in vendita.


There is no ads to display, Please add some

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.