Economia e analisi

EATALY BARI E I SINDACATI – POLEMICA ITALIANA

Il caldo (moderato) d’agosto ci porta l’ennesima polemica su Eataly.
Questa volta sono i sindacati a mettere nel mirino il progressista Farinetti.
Come se fosse un Bernardo Caprotti qualunque, è accusato di aver assunto troppi interinali (160 risorse su 173) per la nuova creatura di Bari.
Ma l’inghippo è presto spiegato: Eataly Bari ha un permesso temporaneo di apertura (6 mesi di licenza come mostra-mercato) e quindi la società è impossibilitata ad assumere a tempo indeterminato.
Solito papocchio burocratese, che non tiene conto dell’investimento di 15mil€ e un’apertura che crea vita all’interno della moribonda Fiera del Levante.
Questa volta siamo dalla parte di Farinetti; la polemica del Sindacato è assurda e fuori luogo, la soluzione dei contratti interinali era l’unica percorribile.
Eataly Bari è la situazione più grave in Puglia? Oppure si cerca solo visibilità?

 


There is no ads to display, Please add some

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.