Recensioni

Dove comprare grissini a Torino: la top 10

Si avvicinano le feste, e sulla tavola di un torinese non possono mancare i grissini.

Un prodotto da forno diffuso nelle panetterie di Torino, ma che ogni artigiano produce con la sua ricetta.

Proviamo a soffermarci sulla differenza tra i due tipi più famosi: stirati a mano e i rubatà.

La differenza sta nella ricetta, nella preparazione e nella lievitazione.

Lo stirato a mano viene impastato fatto lievitare e poi stirato rigorosamente a mano; la lunghezza infatti è quella dell’apertura delle braccia del panettiere.

Il rubatà dopo essere stato stirato viene fatto lievitare. La forma viene data facendo passare l’impasto tra le mani e il piano di lavoro.

Abbiamo assaggiato per voi tanti grissini in giro per la città e ci siamo concentrati su Torino. Anche se sappiamo che bisogna andare anche fuori città, ad esempio a Chieri, per assaggiare delle delizie.

Ogni panettiere produce moltissime tipologie diverse di grissini, qui vi racconteremo per ognuno dei panettieri che abbiamo scelto solo le tipologie che ci hanno colpito maggiormente.

Molti artigiani citati sono già presenti in un nostro post pubblicato a maggio 2018.

10. La Piazza dei Mestieri

Qui la garanzia della qualità è il nome dello chef, Maurizio Camilli.

Ha preso in mano tutta la parte gastronomica della struttura e all’interno del cortile trovate anche una panetteria.

La ricetta del pane e dei grissini è stata studiata a lungo, solo farine non raffinate per un prodotto finale molto gastronomico croccante e saporito.

Ci è piaciuto particolarmente il grissino all’olio, fragrante e molto buono. Croccante e gustoso.

9. Walter Ficini

Arrivati in via Bertholet 30, subito il profumo di pane ci invade.

Quasi impossibile passare qui e non entrare. Tantissimi i prodotti che possiamo gustare, un banco di pizze e dolci di panetteria da perdere la testa, una infinita scelta di pane e panettoni.

Walter Ficini è innamorato dei lievitati e vederlo lavorare nel laboratorio del retro è davvero entusiasmante.

Si vede quanto il suo lavoro lo appassioni. Non possono mancare i grissini, il più caratteristico che abbiamo assaggiato è lo stirato all’olio e poi dopo cottura passato in un pan grattato fatto con gli stessi grissini.

Il risultato è delizioso, oltre all’aroma del grissino stesso si aggiunge una tripla croccantezza.

Qui l’effetto wow è obbligatorio.

8. Farina nel sacco

Per trovare questa panetteria dovrete andare all’interno del Tribunale di Torino.

Nella caffetteria troverete tutti i prodotti da forno che vengono fatti in carcere, un progetto sociale nato con lo scopo di far lavorare i detenuti ma con la grandissima lungimiranza di non accontentarsi e puntare sempre alla qualità.

I grissini sono tra gli ultimi nati, il risultato è davvero ottimo. Anche qui troviamo l’utilizzo di farine non raffinate nella preparazione anche dei grissini.

Molto buoni i grissini integrali, freschissimi equilibrati e molto molto gustosi.

7. Domenica Ordine

Quando si parla di grissini a Torino, viene spontaneo pensare al negozio storico di via San Massimo 49.

Uno spazio fermo come arredamento a inizio secolo, una panetteria di un tempo.

Qui abbiamo assaggiato come previsto i grissini fini stirati a mano forse più croccanti e degni di nota.

Ancora avvolti nella carta come un tempo. Perfetti e come devono essere i grissini, quando mangi il primo vorresti andare avanti all’infinito.

6. Il Forno

Siamo accanto alla storica Pasticceria Sacco, un negozio piccolissimo (corso Alcide De Gasperi 5n)  e con un grande laboratorio alle spalle.

Anche qui ovunque trovate cartelli scritti a mano che ci dicono che farine vengono utilizzate.

Tante tipologie di pane e focacce, tra cui la Pinsa, un impasto di farine integrali il cui risultato è molto simile alla focaccia alla pala ma con più sapori dati dalle farine particolari.

Troviamo tutti i grissini della tradizione torinese e piemontese, ci piace segnalarvi lo stirato all’olio.

5. Luca Scarcella

Con il suo Forno dell’Angolo (via Lurisia 7) Luca Scarcella ha fatto scuola.

Ha in qualche modo cresciuto una generazione di giovani panettieri, che oggi guardano a lui con stima.

Sicuramente uno dei primi ad aver dimostrato che la panificazione è fatta di tecnica, materia prima e bellezza del prodotto.

Lui ha reso il pane non solo sempre ottimo e perfetto, ma anche un prodotto gastronomico.

Qui le farine raffinate sono bandite, ogni dettaglio è curato, pensate al sale solo integrale e proveniente da un presidio Slow Food.

Trovete molti grissini, i classici stirati a mano, all’acqua e all’olio, ma quello che più ci ha stupiti è lo sfogliato al burro ma prodotto con farina ai cereali.

Una versione gourmet e moderna, di chiaro impianto francese, delizioso.

4. Da Patrizia Corso Tassoni

Un piccolo negozio ma al cui interno potrete trovare tantissime tipologie di pane, focacce e dolci tutto fatto rigorosamente a mano.

In questo panificio, colpisce più che tutto la quantità di tipologie proposte.

Oltre ai classici stirati, troviamo nocciole, rosmarino, alle noci, allo speck, e molto altro.

Ottimi tutti, curati nel dettaglio. Forse in questo caso vi consigliamo di assaggiare la versione dolce, con zucchero e gocce di cioccolato, per nulla stucchevole ma estremamente goloso.

3. Alessandro Spoto

Non vi nascondo che l’idea di questo articolo è nata proprio assaggiando i grissini all’olio nella panetteria di via Chiesa della Salute 23.

Intanto se siete amanti della panificazione e dei lievitati non potete non far visita a questo negozio.

Uno dei banchi di pane più grandi della città e tantissime le tipologie.

Ma torniamo ai grissini, anche in questo caso tutti impastati e cotti freschissimi.

Ci ha colpito molto lo stirato all’olio per la sua friabilità, che riesce a valorizzare un gusto davvero speciale, equilibrato e al tempo stesso capace di valorizzare tanto l’olio quanto la farina.

Se siete in centro trovate i suoi prodotti anche al bistrot di via XX settembre.

2. Perino Vesco

Andrea Perino è stato una delle avanguardie della rivoluzione torinese del pane (negozio in via Cavour 10, ndr).

Uno dei primi a portare le farine non raffinate nella panificazione in città, a esporre il pane in negozio dandogli la giusta dignità, affettare il pane come si fa nel Nord Europa, abbinare la caffetteria.

Ma oggi ci soffermiamo sui suoi grissini e ci ha colpito più di tutti il suo grissino al sesamo. Anche in questo caso i dettagli fanno la differenza, molto croccante con sesamo freschissimo e grande aromaticità.

Non vi nascondiamo che sono tutti deliziosi, stirati all’acqua all’olio e i rubatà.

Nota di merito una scatola di carta bellissima e molto elegante.

1. Panificio Avetta

Da tanti anni è Maestro del Gusto.

In questa meravigliosa panetteria di via Cibrario 31 tutti i prodotti sono deliziosi, ma il grissino per Riccardo Avetta rappresenta sicuramente una delle sue passioni.

Ci ha colpito la croccantezza, la fragranza e un alveatura interna che definiamo vicina alla perfezione. Tante le proposte di grissini, sesamo, all’olio, alle noci. Gli stirati a mano all’acqua ci hanno letteralmente rapiti.

Riccardo Avetta ogni giorno li impasta e li stira personalmente a mano e se avrete la fortuna di scambiare qualche parola con lui, vi racconterà che questa passione gli è stata tramandata dal padre che ogni notte impastava quintali di farina che trasformava in grissini.

 

Foto: The Light Canvas.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.