Bottega Macario

CASCINA FONTANACERVO – LOCALE, SOSTENIBILE, BUONO

Condurre una stessa azienda dal ‘600 è roba da Marchesi Antinori.
Non siamo però nella “glam” Toscana, ma nel laborioso Piemonte dell’hinterland torinese (per la precisione Villastellone).
E parliamo della famiglia Crivello, produttori caseari e proprietari della Cascina Fontanacervo. Intervistiamo Giovanni Crivello.
Siete un’azienda locale e sostenibile. Pensate che il vostro consumatore inizi a capire che questi valori sono fondamentali non solo sul cibo?
I nostri clienti scelgono i prodotti Cascina Fontanacervo perché conoscono (e sposano) la nostra filosofia: arrivano da noi preparati,fanno una spesa mirata, ci scrivono per porci delle domande inerenti.
Sanno come lavoriamo e da quali principi sono dettate le nostre scelte.
La maggior parte dei consumatori però non ha idea di cosa voglia dire “locale” o “sostenibile”.
E’ molto più facile parlare con i 25-30enni: hanno le idee più chiare in questo senso, fanno scelte mirate e consapevoli.
Gestite un’azienda dal ‘600. Ma facciamo un passo avanti. Cosa è cambiato in Piemonte, nell’agroalimentare, negli ultimi venti anni?
Oggi in Italia (e in Europa) i consumatori si pongono più domande rispetto ad un tempo: si sono accorti che non è il caso di bere e mangiare tutto ciò che la pubblicità suggerisce perché spesso dietro a un prodotto appetibile c’è solo un’ottima campagna di marketing.
Negli anni Settanta non avremmo avuto la possibilità di vendere latte fresco a nome “Cascina Fontanacervo” perché i consumatori agivano guidati dalla forza del brand; si acquistava la marca sull’etichetta, non il contenuto della bottiglia. Solo negli ultimi dieci anni ci si è liberati di questa visione miope.
In poche parole perché un consumatore dovrebbe investire in un prodotto a km0 quando tanti supermercati offrono marche appetibili?
La sensibilizzazione sul tema del Km0 è molto importante per evitare di trasportare il cibo da una parte all’altra del mondo; tuttavia è un concetto poco chiaro, sia al consumatore che (talvolta) agli addetti ai lavori.
A noi piace portare il discorso su un altro livello, fare un passo avanti e allargare il discorso: la natura ci permette di coltivare a latitudini differenti prodotti differenti, che sono quelli di cui chi a quelle latitudini vive ha bisogno per
sostentarsi.
La maggior parte della nostra dieta dovrebbe essere fedele a questo principio. Quando penseremo a una dieta non unica in tutto il mondo, ma locale, che risponda al contesto geografico in cui si vive,non sarà più necessario porsi domande sul Km0.

 

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento