Eventi sul cibo

Bocuse d’Or: perchè Torino deve fare sistema

Il Bocuse d’Or (qui sito) è un concorso mondiale di cucina, ispirato da Paul Bocuse (nel 1983 diventa Presidente Onorario di una precedente manifestazione e ne trasforma il significato). Lione è il cuore pulsante del campionato.

L’11 e 12 giugno 2018, la città di Torino sarà sede della finale europea del Bocuse d’Or (ormai un appuntamento globale) e in contemporanea sede delle finali mondiali di Pasticceria.

Alberto Morano (consigliere comunale di opposizione) ha però depositato un’interpellanza in cui chiede se è vero che saranno 500.000€ i soldi messi a disposizione da Comune di Torino e Regione Piemonte a favore di GLEvents (organizzatore della manifestazione torinese e gestore del Lingotto di Torino) e nel contempo chiede le ricadute sul territorio.

Domande legittime a cui ha risposto l’assessore torinese Alberto Sacco. Lo Spiffero ha anticipato le posizioni di Palazzo Civico, che ipotizza ricadute per 2 milioni €, 6.000 spettatori e 700 giornalisti accreditati (numeri derivati dalla finale europea di Budapest).

Vedremo più avanti chi avrà ragione. Sul contributo dato a GLEvents (pari allo sconto concesso per il nuovo Salone del Libro) non ci pronunciamo. Certamente i francesi padroni del Lingotto non sono una Onlus e nemmeno degli sprovveduti.

L’amministrazione grillina ha dato grande visibilità all’assegnazione di Torino, un’occasione per confermare la città come meta gastronomica. Proprio per questa ragione sarà importante “fare sistema”, e già le Amministrazioni pubbliche e la Camera di Commercio stanno facendo la loro parte.

700 giornalisti accreditati sono un occasione da non perdere anche (e soprattutto) per le nostre aziende che si occupano di cibo.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.