Bottega Macario Eventi sul cibo

2018: per Balbiano un anno da ricordare

Pubblichiamo una nota di Cantine Balbiano su un 2018 di grande positività.
Il 2018 sarà un anno da ricordare per Balbiano, e non solo dal punto di vista enologico.
Produttore di Freisa di Chieri da oltre 75 anni, la cantina torinese si avvicina alla chiusura dell’anno con 12 mesi, ormai quasi tutti alle spalle, densi di lavoro e importanti riconoscimenti.
Primo fra tutti il premio speciale “Produttore Emergente 2019” assegnato recentemente da DoctorWine a una famiglia di viticoltori “grande specialista della Freisa di Chieri e protagonista del progetto di recupero della vigna Villa della Regina”.
Proprio il vigneto che sorge sulla collina di Torino, a pochi passi da piazza Vittorio, è stato protagonista, sabato 15 dicembre, del programma “Signori del Vino” di Rai 2.
Una vigna con oltre 400 anni di storia, restituita al suo splendore, tra il 2003 e il 2006, grazie a un complesso intervento di recupero e reimpianto, promosso dal Ministero per i Beni Culturali e curato da Balbiano, in collaborazione con l’Università di Torino e il CNR.
Qui, nel più antico vigneto urbano d’Italia (capofila anche della rete europea che sta sorgendo fra le vigne di città) nasce oggi l’unico cru della doc “Freisa di Chieri”: il Freisa di Chieri Superiore “Vigna Villa della Regina”.
Solo 4.000 bottiglie all’anno per un vino giovane che ha già attirato l’attenzione della critica, facendo entrare per la prima volta il Freisa di Chieri Doc in alcune delle guide più prestigiose.
Dopo l’ingresso nella guida 2018 dell’Espresso, per il 2019 il Vigna Villa della Regina 2015 ha conquistato un ‘faccino’ da DoctorWine (95/100) nella Guida essenziale ai vini d’Italia e ‘tre tralci’ nella guida Vitae dell’Ais.
Riconoscimenti anche per il Freisa di Chieri Doc Surpreisa, che ha ottenuto 89/100 da DoctorWine ed è entrato nella guida dell’Ais.
Tra i vini scelti da Vitae anche il Freisa di Chieri Doc Superiore Barbarossa.
Traguardi importanti per un’azienda che da sempre investe su un vitigno di nicchia (solo il 2% della superficie vitata piemontese), ma forte di 500 anni di storia e di un codice genetico nobile, che recenti studi del Cnr hanno collegato al celebre Nebbiolo, individuando nel Freisa un suo diretto discendente.

Cantine Balbiano: Produttore emergente per DoctorWine

“Siamo molto felici – commenta Luca Balbiano – di questo riconoscimento a un grande lavoro di rinascita, che riguarda da una parte un vitigno antico ma ancora molto da scoprire, e dall’altra un vigneto con una storia altrettanto secolare e affascinante.
Vitigno e vigneto si danno supporto reciproco e c’è coerenza in questo, perché il Freisa che nasce a Vigna della Regina esprime un territorio di cui ha assorbito tutta l’anima sabauda, elegante e austera ma con la capacità di risorgere ed essere attuale.
Siamo alle porte di un nuovo anno e questa è una bella storia di rinascita che guarda avanti. Noi siamo orgogliosi di esserne parte”.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.