Economia e analisi

Il caso di Back To The Wine: le parole pesano

Il caso del giorno che scuote il mondo del vino italiano e dei suoi produttori è la newsletter degli organizzatori di Back To The Wine.

Sappiamo che le dispute fra produttori tradizionali, naturali, biologici e biodinamici rasenta molte volte la rissa verbale.

Come in tutti i settori, a fronte di una maggioranza di produttori seri e moderati entrano in campo i “talebani”.

Personaggi che credono di essere degli unti del Signore e di avere una missione di vita, ovviamente l’imposizione del loro punto di vista.

Non sappiamo se gli organizzatori di Back To The Wine, fiera di Faenza dedicata al naturale, biologico e biodinamico, siano nel gruppo “talebani”. Certo è che dovrebbero utilizzare le parole con maggiore attenzione.

Un passaggio della loro newsletter è: ““Per questo la nostra fiera/mercato si chiama “BACK TO THE WINE”, ovvero: “RITORNO AL VINO”, quello autentico, non sofisticato e realizzato col minimo intervento umano in vigna e in cantina.”

Utilizzare “sofisticato” nel mondo del vino è già un azzardo, ma utilizzarlo per identificare tutto il mondo della produzione tradizionale è superficialità.

Carlo Macchi su WineSurf approfondisce bene il concetto.

Il mondo del vino italiano non ha bisogno di ulteriori barriere, non ha bisogno di sconti “noi” contro “loro”…

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.