Recensioni

Arte contemporanea a Torino: dove mangiare

La settimana dell’Arte contemporanea di Torino è alle porte e dove mangiare? Artissima parte il 6 novembre, The Others Art Fair il 5 novembre. Altre manifestazioni come Paratissima (dal 4 all’8 novembre) e Flashback attireranno pubblico amatoriale e professionisti dell’Arte.

Diamo ad ogni lettore torinese e piemontese alcuni nomi calibrati sulle diverse manifestazioni. Sarà più facile così consigliare eventuali amici giunti in città.

ARTISSIMA – tre ristoranti dove il pubblico di professionisti ed operatori dell’Arte contemporanea potranno trovare un ambiente stimolante:

  • Magorabin – ristorante stellato condotto da Marcello Trentini. La sua cucina si ama o si odia. Ma se si è amanti della ricerca e della bellezza è un posto da visitare;
  • Ristorante Del Cambio – un monumento riportato alla luce e condotto da Matteo Baronetto. Oggi ristrutturato e contenitore (anche) di tante opere di Arte contemporanea (es. la sala degli specchi di Pistoletto). Da provare anche il Bar Cavour al piano di sopra (aperto dalle 19,00) e la Farmacia del Cambio (ma solo per la pasticceria, il servizio bar è pessimo);
  • Spazio7 – il vero ristorante emergente in Torino. Emilio Sandretto Re Rebaudengo e Alessandro Mecca lo gestiscono per essere uno spazio innovativo. Posto al fianco di un punto fermo dell’Arte contemporanea italiana come la FSRR.

Arte-contemporanea-Spazio7

PARATISSIMA – la manifestazione che più si adatta allo streetfood. Per cui ecco tre consigli:

  • La Fassoneria – appena inaugurato il secondo locale. Fassone piemontese fornito da Compral. Una carta menù ricca e tante ricette per hamburger di qualità;
  • Accademia del Panino – uno dei luoghi dove mangiare club sandwich e panini. Prezzi popolari e una correttezza del personale massima;
  • Taglio pizzaperfetta – una delle migliori pizze al taglio di Torino. in zona Quadrilatero.

FLASHBACK – Fiera dedicata all’arte moderna ed antica. Tre nomi fuori dalle mode:

  • Gelateria PEPINO – da visitare, locale e caffè storico (e giovedì 5 novembre ospiterà la light dinner #AmisPepino);
  • Caffè Platti – altro monumento storico restituito alla città. Ottimi i cocktail preparati all’ora dell’aperitivo;
  • Peyrano – grazie alla famiglia Peyrano un altro monumento e marchio restituito a Torino. Uno shopping gustoso assicurato.

THE OTHERS ART FAIR – Fiera “giovane” dell’Arte contemporanea. E quindi tre indirizzi di ristoranti avviati da meno di 12 mesi ma già eccellenti:

  • Il Giardino – ristorante circolare e vegetariano;
  • VinoLento – enoteca con cucina, sempre in zona Quadrilatero. Staff giovane, cucina semplice ma ambiente informale;
  • Ristorante Enotavola – appena ri-aperto in via dei Mille. Bistrot condotto da Domenico Paone.

Vinolento-enoteca-Arte-contemporanea

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.