Interviste

Andrea Turco: una passione per la birra artigianale

andrea_turco

Per chi bazzica il mondo della birra artigianale il nome di Andrea Turco non ha certo bisogno di presentazioni.

Fondatore e curatore di Cronache di Birra, è giudice in concorsi nazionali e internazionali, docente e consulente di settore.

È tra i creatori del festival Fermentazioni e organizzatore della Settimana della Birra Artigianale.

Nell’ambito di HOPPINESS! a Bra, abbiamo fatto due chiacchere con lui sul settore e sul suo libro.

10-anni-di-cronache-di-birra

Dal 1996 la birra artigianale è un fenomeno italiano. Tu parli, nel libro, di 10 anni di birra artigianale italiana: quali sono state le cause dell’esplosione imprenditoriale italiana? 

Non è facile risalire alle cause dell’esplosione del settore, avvenuta a partire dalla seconda metà degli anni ’90 e poi in maniera più sostanziale negli ultimi dieci.

Sicuramente il contesto culturale è stato importante, perché qualche sparuto tentativo c’era stato anche in precedenza ma senza successo, segno che i tempi ancora non erano maturi.

Credo che il fattore più importante sia stata la predisposizione del pubblico nei confronti di una bevanda diversa dall’idea consolidata di birra: realizzata con l’obiettivo di ottenere un prodotto di qualità, legata al territorio e talvolta caratterizzata dall’uso di ingredienti locali.

Tutti concetti propri della rivoluzione enogastronomica degli ultimi decenni che sicuramente hanno contribuito alla rivoluzione della birra artigianale.

Perchè a tuo parere, l’Industria è stata colta di sorpresa da questa ondata? E sta correndo ai ripari con il crafty o si limiterà a comprare altri birrifici?

L’Industria è stata colta di sorpresa perché improvvisamente sono entrate in gioco variabili del tutto nuove, con le quali le multinazionali si erano confrontate solo raramente.

Per decenni la birra industriale ha concentrato la sua attenzione sul marketing e non sulla qualità del prodotto, mantenendo la bevanda sempre identica a sé stessa (tranne rare eccezioni) e rendendo protagonisti connotati altrimenti marginali.

Quando i Birrifici artigianali hanno cominciato a parlare di una birra gustosa, di carattere, diversa da quella conosciuta da tutti, hanno attirato l’attenzione dei consumatori e poi li hanno conquistati.

L’Industria ha reagito con lentezza pachidermica e ha cominciato a correre ai ripari quando la birra artigianale le aveva soffiato importanti fette di mercato.

Lanciare prodotti crafty e acquistare Birrifici artigianali sono le due strategie con cui le Multinazionali stanno cercando di recuperare il terreno perduto.

Sinceramente non so quale delle due sarà più efficace. Alcune acquisizioni mi sono sembrate frettolose e guidate più dalla voglia di emulazione che da valutazioni realmente valide; altre ben congegnate e con interessanti prospettive evolutive.

Di contro alcuni prodotti crafty sono durati il tempo di una stagione, altri invece si sono rivelati ottimi colpi e hanno raggiunto un pubblico decisamente ampio. Il futuro ci dirà quale delle due strategie resisterà nel tempo.

Andrea-Turco

Oltre l’Italian Grape Ale, quanto delle materie prime italiane differenziano sul mercato le birre artigianali italiane?

Sicuramente le castagne, che una decina di anni fa erano utilizzate praticamente da tutti i birrifici italiani.

La moda è poi scemata rapidamente, ma all’epoca di parlò delle birre alle castagne come il primo stile italiano.

Altri ingredienti caratteristici della nostra cultura brassicola sono i cereali antichi e la frutta, grazie alla straordinaria biodiversità del nostro paese.

Come vedi il sistema artigianale italiano fra 5 anni? Più concentrato o differenziato come adesso?

Direi più concentrato: non tanto per le acquisizioni delle Multinazionali che difficilmente animeranno ancora il segmento italiano, quanto per la chiusura di alcuni Birrifici a causa di un mercato sempre più competitivo e ostile.

Nel contempo però probabilmente si verificheranno anche fenomeni di differenziazione, con i Birrifici che saranno costretti a trovare delle strade diverse e alternative per emergere dalla massa e costruirsi il loro mercato di riferimento, magari legato al consumo locale.

Chi potrebbe essere il prossimo Teo Musso? Fra gli under30 vedi imprenditori capaci?

Teo Musso è stato un visionario in un periodo in cui la birra artigianale italiana era ancora tutta da scrivere.

Oggi forse non esistono più le condizioni per l’ascesa di un personaggio così rivoluzionario come è stato il fondatore di Baladin, ma il panorama dei giovani birrai italiani è davvero roseo.

Molti di loro possiedono un talento e un’attenzione ai dettagli che raramente ho riscontrato in passato, quindi possiamo essere molto ottimisti per il futuro del nostro ambiente.

Magari c’è spazio per un nuovo Teo Musso fuori dalle sale cotte.

Vedo un gran fermento anche tra chi opera non direttamente nel comparto produttivo ed è lì che potrebbe emergere qualche figura interessante nei prossimi anni.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.