Interviste

RISO ACQUERELLO – PARLA PIERO RONDOLINO

Abbiamo incontrato Piero Rondolino al TASTE di Firenze e lo abbiamo intervistato.
Cosa vuol dire oggi essere un’azienda familiare di eccellenza in un mercato globale?
Un’azienda familiare, soprattutto se costituita da componenti di formazione tecnica e culturale diversa, ben coordinati tra loro ha una marcia in più per raggiungere l’eccellenza, in particolare nel mercato globale. 
Mi spiego meglio: per raggiungere l’eccellenza oggi è necessario essere eccellenti in diverse cose perché il consumatore è attento a tutti i diversi aspetti del prodotto-azienda ad esempio, nella cultura di base, nella capacità di produrre, di costruirne l’immagine, nella comunicazione, nella vendita e non ultima nella gestione. L’eccellenza oggi è l’insieme di tutte queste cose e il mercato globale non perdona.
Cosa vi differenzia rispetto alla concorrenza diretta?

A noi non è mai piaciuta la guerra generata dalla concorrenza, siamo pacifisti; non è facile di questi tempi. Bisogna aver studiato cosa fanno tutti gli altri e fare delle cose completamente diverse.

Ecco le cose che ci differenziano, ma solo le principali, partendo da quelle più evidenti:
– La confezione in lattina;
– il marchio Acquerello ben riconoscibile;
– l’immagine;
– i riconoscimenti dei grandi cuochi e delle persone più semplici.

Ma, alla base di questo, c’è la tecnologia di lavorazione unica nel suo insieme irripetibile mix di antico e moderno. 
Ne risulta quindi un riso inimitabile perché il più buono, il più facile, il più salutare.

Com’è percepito il riso italiano nel mondo? 
Il riso italiano nel mondo è percepito come il migliore per un piatto – il risotto – che è universalmente riconosciuto come il piatto tipico della cucina italiana; infatti risotto è sinonimo di riso italiano. Questo è un limite, magari non tanto piccolo ma comunque un limite, una semplificazione che alla lunga si potrebbe pagare perché il risotto come è presentato dagli chef in tv (ecc. ecc.) è una cosa che un po’ spaventa la gente.  Certi risi italiani possono essere adatti ai piatti più disparati delle diverse cucine del mondo. Un esempio per tutti: in Spagna il nostro riso Acquerello è venduto all’85% per il loro piatto popolare: la paella.
Diteci alcune aziende concorrenti che ammirate come lavoro e perchè?
Ammiro le aziende familiari che mi sembra (forse…) siano riuscite a raggiungere i loro obiettivi in un tempo più rapido di noi. Il tempo è un giudice severo. Con tutti gli interrogativi di cui sopra, oserei dire i nomi di Cascina Belvedere di Bianzè, Agricola Lodigiana di Ronsecco e Riseria Greppi di Tronzano Vercellese. Le ammiro perchè hanno una certa differenziazione nei prodotti rispetto alla massa.

You Might Also Like

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.